L'Italia è il terzo paese al mondo più colpito dai malware

 Venerdì, Giugno 4, 2021

Non c'è pace nel web per gli operatori italiani. L'ultimo report di Trend Micro Research, divisione specializzata in cybersecurity, ha rilevato una crescita delle minacce per il nostro paese. Dati confermati anche dal rapporto CLUSIT 2021, l'Italia è il terzo paese al mondo più colpito dai malware, virus di varia natura per sottrarre informazioni personali o soldi. Al primo posto ci sono gli Stati Uniti seguiti dal Giappone.

Un podio di cui avremmo fatto volentieri a meno: a gennaio eravamo il quinto più colpito (in piena campagna EMOTET), a febbraio e marzo il quarto. Per l'esattezza i malware che hanno colpito l'Italia ad aprile sono stati 4.908.522.

La classifica dei cinque paesi al mondo più attaccati è guidata da Stati Uniti (31.056.221) e Giappone (30.363.541). Dopo l'Italia, seguono India (4.411.584) e Australia (4.387.315). La famiglia di malware più rilevata ad aprile in Italia a livello aziendale, è stata quella dei cosiddetti 'Downad' che possono infettare l'intera rete di una società sfruttando sistemi operativi obsoleti e non aggiornati.

Mentre i consumatori sono stati colpiti maggiormente dalla famiglia dei malware denominati Coinminer, che si nascondono all'interno di un sistema per sfruttare le capacità di calcolo e produrre criptovalute come i Bitcoin all'insaputa degli utenti.

Nel 2020 l'Italia è stato il secondo paese in Europa più colpito dai ransomware - altra famiglia di virus che blocca i dispositivi e chiede un riscatto - dopo la Germania.

Nel mondo, il nostro paese è stato l'undicesimo maggiormente attaccato da questa minaccia, ai primi tre posti Turchia, Cina e India.

Per diminuire il tuo livello di rischio ti consigliamo di valutare i seguenti servizi:

  • se sei proprietario di un sito web ti consigliamo di verificare il tuo Certificato SSL
  • per la navigazione web in totale sicurezza ti consigliamo di valutare l'uso di un servizio VPN
  • ancora per il tuo sito web, valuta l'uso di un anti-malware

Fonte notizia: ansa.it



« Indietro